top
logo

Cerca nel sito

Risorse

Statistiche

Membri : 34
Contenuto : 60
Indirizzi internet : 6
Hits visite contenuto : 217086
Video ID missing!

Vinaora Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi150
mod_vvisit_counterIeri422
mod_vvisit_counterQuesta Settimana1183
mod_vvisit_counterSettimana scorsa2333
mod_vvisit_counterQuesto mese11246
mod_vvisit_counterMese scorso12198
mod_vvisit_counterTotale532291

Online (20 minutes ago): 6
Your IP: 54.83.230.137
,
Today: Lug 31, 2014

Home Notizie Radio Galena di IK5OZN
Radio Galena di IK5OZN PDF Stampa E-mail
Scritto da iw5ek-administrator   
Martedì 07 Aprile 2009 09:56

Ecco il racconto di Palazzo Giulio Cesare IK5OZN che ci descrive come è nata in lui la passione per la radio costruendo la mitica RADIO GALENA.

   radio galena   radio galena schema

 

Era l'anno 1948 frequentavo la scuola elementare “Libro e Moschetto” situata dietro le vecchie mura di S.Domenico, l'insegnante era un ex ufficiale dell'esercito che aveva combattuto nella prima guerra d'Africa e molto spesso, ambiva narrare alcuni momenti di quella guerra.  Io  ed altri compagni facevamo molto caso a frasi come questa: i guerriglieri Etiopi,  tagliavano i testicoli ai soldati Italiani morti e ci facevano le collane!! Oggi, i seguaci di questo popolo si ospitano  in Italia!!

Questo insegnante, un giorno, vedendo il mio continuo interessamento  verso una  “Radio Balilla” che il Duce, aveva donato ad ogni scuola. Osservavo con molta attenzione  questa radio cercando di capire come fosse fatta! Un giorno il maestro, attento alla mia curiosità mi disse: sai Giulio io dovrei avere in casa un librettino di mio padre che parla di radio, se lo trovo te lo regalo, ed un giorno arrivò a scuola,  con in mano questo libretto. Lui sorridendo mi disse, scherzosamente, vediamo se sei capace di fare una radio. Non avrei mai, a quella età, pensato di fare una radio vera, ma le prime paginette mi incuriosirono, perché riportavano uno schema di radio a galena. Pensavo tra me, come farà a funzionare senza corrente! Visto lo schema studiato in ogni minimo particolare, cominciai a fantasticare! Costruirla è vero, ma con quali componenti, io non avevo nulla del genere Un giorno il maestro mi chiese: Giulio hai fatto la radio? Io risposi di no, spiegando che non avevo il materiale necessario, . il buon maestro mi disse, che a casa aveva una scatolina di cartone con dei   pezzi  e  che anche suo padre aveva tentato di fare quella “galena”. Dopo qualche  giorno, mi portò la scatolina e con molta sorpresa trovai, tra altro materiale che non sapevo a cosa potesse servisse, due componenti importanti, il baffo di gatto con ili cristallo all'interno e un variabile a mica, riconoscere questi due componenti,  mi risultò facile, in quanto a forza di vedere le figure sul libretto  li avevo memorizzati. Cosa mancava ancora? La bobina  e la cuffia telefonica da 1000-2000 Ohm. La bobina rimediai con un tubo di cartone da stoffe, trovato in un negozio, per il filo di rame occorrente per la bobina, rimediai un dinamo da biciclette fuori uso , da questo recuperai  il filo di rame: La bobina fu costituita con 85 spire affiancate e delle prese intermedie. Ora dovevo assemblare il tutto, ma dove? Pensai ad una tavoletta di legno, dove trovarla? Nel negozio dove mia sorella era commessa, ed io a tempo libero facevo il garzone,  a quel tempo si vendeva il famoso formaggio “Roma” della Ditta Galbani, questo era contenuto in un cofanetto di legno e da questo tolsi il coperchio, una  tavoletta adatta a contenere i componenti. Si può dire che a questo punto la radio era fatta. Provveduto al circuito di terra, caratteristico rubinetto dell'acqua di cucina e filo di rame fino ad arrivare al mio comodino di camera, circa una ventina di metri.. Per l'antenna. era da utilizzare un così detto “tappo,luce” o la rete del letto. Arrivato ad opera terminata come poterla provare, la galena, senza la cuffia?. Dalla mia finestra che dava sulla strada S. Domenico, vedevo sempre arrivare  un furgone delle Poste di quel periodo, dal quale scendeva l'autista, molto spesso questo signore, scendeva dal mezzo, con in mano un mazzo di cuffie, quelle Inglesi con l'archetto ricoperto di cuoio, guarda, dicevo fra di me, che belle cuffie, ma .non avevo il coraggio di domandargli se poteva darmene una,  perché pensavo, chissà quanto vuole! Anni più avanti diventai collega e amico di questo signore dal nome “Anselmo”, raccontando a lui,  la mia avventura per la cuffia, lui mi disse sorridendo, corbello, dovevi chiedermela, ne avevo tante, una te l' avrei data. Mi raccontò come aveva avuto quelle cuffie ed altro materiale radio, lo aveva tolto dai mezzi militari Inglesi finiti in Chiana. Tornando alla cuffia, mia sorella abitava a Firenze e essendo li per una breve vacanza, un giorno, passeggiando  a piazza del Duomo e passando da via Folco Portinari vidi un negozietto era il    “Paoletti”, dove trovai  un padiglione per uno scudo “cinque lire”di quel periodo.. Tornato a casa ad Arezzo,  pulito  l'auricolare della cuffia, sistemato il cordone detti  inizio alla prova, la radio Galena funzionava! Non vi dico la gioia, di sera oltre al programma Italiano,  potevo ascoltare, Radio Londra, Mosca; Parigi, Monaco, con questa galena ebbe inizio  la mia ascesa verso altre  Radio di diversi tipi sempre a galena poi a valvole. . Su questo articolo ho in parte raccontato la mia avventura,  ma, vi ho anche descritto, in poche parole e con l'aiuto dello schema quello che era la Radio Galena. Voglio anche ricordare, che ad Arezzo, per opera del Prof. Casi, esiste un museo della “comunicazione”con sede in Via Ricasoli palazzo comunale,dove potete osservare  la radio Galena e altre meraviglie. Il museo è aperto ogni martedì, giovedì e il sabato, nei giorni della fiera “Antiquaria” è aperto anche la domenica.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Maggio 2009 08:55
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Translation Site

Display News

  1. hotspot
    iw5ek-administrator - Martedì 05 Novembre 2013
    Attraverso il servizio Wireless  è possibile fornire accesso ad Internet anche in zone aperte al pubblico quali parchi, piazze, biblioteche, bar, alberghi, ristoranti, centri commerciali, piscine, spiagge, campi da sci, aereoporti ecc., utilizzando appunto gli hotspot

    Gli hotspot sono apparecchiature di minimo ingombro, che permettono agli utenti di collegarsi ad Internet attraverso l'uso di un computer portatile, un palmare, un telefono con accesso wireless, e più in generale utilizzando un qualsiasi dispositivo che supporti la connessione via wifi.

    Negli ultimi anni mi sono occupato spesso di collegamenti wifi e studiando Zeroshell mi ha piacevolmente stupito per la velocità e la semplicità nel "metter su" un Captive Portal (HotSpot), ho preso una AlixBoard e in pochi minuti ho preparato l'HotSpot che andava a meraviglia. Il "limite", se così si può chiamare, era poi dare in mano la gestione ad una persona con poche competenze che, dall'interfaccia di zeroshell, potesse aver accesso a tutte le funzionalità disponibili.
    Inizialmente ho creato dei semplici script in php che aiutavano leggermente a compire delle funzioni quali stampa log e password, creazione password etc, ma sempre dentro la gui Zeroschell, quindi con il rischio che una persona poco esperta potesse sconfigurare tutta la rete.
    Poi sono venuto a conoscenza di Zerotruth creato dal mitico Truthahn, una interfaccia grafica installata direttamente dentro Zeroshell e ho seguito tutti gli sviluppi fino alla versione zerotruth-1.0.beta4.
    Io personalmente ho elaborato ed adattato alle mie esigenze la versione 0.7 di cui ho testato per più di un anno su un Agriturismo trovando e correggendo alcuni bug e personalizzandola un pò.
    Inserisco alcuni screenshot per fare vedere alcune schermate.

    (398)
  2. Smartphone I9300 cinese
    iw5ek-administrator - Martedì 26 Marzo 2013
                                                         


    Dopo aver visto molte discussioni sul clone cinese S3 o I9300 su internet mi sono iniziato ad informare su come è realmente questa nuova gamma di telefoni cinesi e ne sono rimasto davvero sbalordito!! Non so cosa sia stato ma ultimamente si sono messi a fare prodotti davvero di ottima qualità (anche se la qualità delle fotocamere non è eccelsa) sia per componenti sia per estetica (ovviamente essendo cloni di telefoni di successo) Secondo me la svolta principale è stata data da due fattori principali, la distribuzione di android 4.0 e la nuova gamma di processori Mediatek!! Piccola introduzione sui processori Mediatek (mi sono studiato il tutto perchè ne volevo sapere di piu) Processori low cost prodotti ovviamente in cina ma con ottime qualità!! Vi dico i 2 principali nuovi arrivati: Mediatek 6575 1 Ghz Mediatek 6577 1 ghz dual core con alte prestazioni (praticamente come il galaxy s2)
    (951)
    Leggi tutto...
  3. Lubuntu
    iw5ek-administrator - Martedì 29 Gennaio 2013



    Ho un netbook piccolisimo della serie Asus eeepc 701 con schermo 7" e hd ssd da soli 4gb, fino a poco tempo fa avevo installato come SO windows xp ma già da alcune settimane ho notato un rallentamento nelle prestazioni e nell'avvio da far paura. Ho provato a ripulire tutta la cash e progr. temporanei ho disinstallato software per recuperare spazio , ma i risultati non erano soddisfacenti.
    Ho pensato allora di spianare il pc formattandolo e prima di fare ciò mi sono documentato sulle distro compatibili con il pc.
    Io posseggo anche un ulteriore netbook sempre Asus eeepc ma dalle caratteristiche molto superiori dove ho installato in multiboot Ubuntu12.04 e windows7 e devo ammettere che il 90% uso Ubuntu perchè per me è troppo superiore a winzozz... poi essendo anche uno smattone mi piace lavorare molto da terminale avendo installato numerosi server (sempre linux) per puro divertimento e passione.
    Quindi soddisfatto della distro di Ubuntu avrei voluto installarla dentro il piccolino ma sfortunatamente non è compatibile per la scarsa capacità dell'hd e sinceramente di installarla dentro la scheda sd di espansione non mi piace perchè perderei quello che il piccolino ha di bello ovvero la velocità dell'hd ssd anche se poco capiente.
    Quindi prima di procedere con una installazione mi sono scaricato diverse Distro linux e non,  per provarle in versione live e poi giudicare in base alla compatibilità.
    In particolare ho provato i seguenti S.O.:
    (1029)
    Leggi tutto...
  4. Gasolio fatto in casa
    iw5ek-administrator - Martedì 06 Novembre 2012
    Ciao raga andiamo un pò fuori tema adesso, parliamo di carburanti e precisamente di Gasolio.
    Abbiamo visto ultimamente che il prezzo dei carburanti è in continuo aumento e ha raggiunto dei prezzi insostenibili. Ma secondo voi quanto costa realmente il Gasolio? Bhè ve lo dico io il suo costo reale non sorpassa i 60 centesimi quindi tutto il resto sono accise e tasse.
    Quindi se noi ci facessimo il Gasolio da soli? Si è possibile e precisamente il BioDisel quindi anche ecologico e migliore.
    Le domande che mi sono fatto anche io prima di informarmi sono:
    è legale?
    quanto mi viene a costare?
    è difficile produrlo?
    funziona come autotrazione?
    Bene ci sono numerosi forum che trattano l'argomento e consultandoli ho constatato che la cosa è fattibile.
    Per la legalità io credo che per autoconsumo non dovrebbero esserci problemi (le leggi italiane sono molto interpretative).
    Cosiderate che in inghilterra molte persone sono dei piccoli produttori per autoconsumo e li è tutto regolare visto che chi non vuole autocostruirsi l'alambricco per distillare il prodotto ecco che lo vendono a un costo decisamente conveniente.
    Cmq vi spiego a grandi linee come viene fatto il gasolio bio made in casa.
    (1308)
    Leggi tutto...
  5. Registrazione nuovi utenti
    iw5ek-administrator - Martedì 06 Novembre 2012

                                                     

    Sono spiacente ma come avrete notato ho tolto la registrazione nuovo utente, perchè ultimamente il sito è stato attaccato da spam proprio sulla registrazione dei nuovi utenti , in quanto arrivavano decine di registrazioni fasulle giornalmente.

    Momentaneamente chi volesse registrarsi è pregato di contattare via email l'amministratore all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   inserendo nome cognome recapito email telefono e eventuale nominativo radioamatoriale, sarete ricontattati per le credenziali di accesso.

    Ci scusiamo per il disagio ma provvederemo quanto prima a inserire un CAPTHA valido per sormontare al problema.

    Intanto vi do una spiegazione su come lavora il Captha.

    (2194)
    Leggi tutto...

  6. Passare a 5ghz in wifi
    iw5ek-administrator - Sabato 03 Novembre 2012


            Salve a tutti voi radioamatori e non dopo aver passato tanto tempo alle sperimentazioni sulla banda wifi   nei 2,4 ghz è arrivata l'ora di sperimentare anche i 5ghz.
    Il perchè di tale decisione è semplice:
    Frequenza molto più pulita da interferenze
    Spazio frequenza assegnata in primaria a noi Radioamatori
    Tecnologia in continua espansione.
    La motivazione base cmq è la ormai saturazione e il continuo aumento di interferenze (causate da tutti quei dispositivi messi in commercio)che rende la banda dei 2,4ghz poco affidabile.
    Dopo aver provato dei collegamenti con schede Mickrotik nella rete wifi del CISAR net, ho pensato di provare le schede Ubiquiti che se pur originalmente non usano il sistema routing OSPF ho scoperto che tale necessità è possibile inserirla aggiornando il Firmware con OpenWRT.
    Inizialmente credo che lascerò il firmware originale in quanto lavorerò in via sperimentale nella Zona 5 di Arezzo quindi con distanze limitate, poi se la cosa prende campo potrei pensare di interfacciarla al LinkNazionale del Cisar ma in quel caso dovrei inserire il Routing sopra descritto.

  7. RASPBERRY Pi
    iw5ek-administrator - Mercoledì 26 Settembre 2012

    Il Raspberry Pi è un single-board computer (un calcolatore implementato su una sola scheda elettronica) sviluppato nel Regno Unito dalla Raspberry Pi Foundation. Il suo lancio al pubblico era previsto per la fine del mese di febbraio 2012[1]. La fondazione prevede di distribuirlo in due versioni, al prezzo di $25 e $35 dollari statunitensi. L'idea di base è la realizzazione di un dispositivo economico, concepito per stimolare l'insegnamento di base dell'informatica e della programmazione nelle scuole. Il progetto ruota attorno a un System-on-a-chip (SoC) Broadcom BCM2835, che incorpora un processore ARM1176JZF-S a 700 MHz, una GPU VideoCore IV, e 256 Mebibyte (MiB) di memoria. Il progetto non prevede né hard disk né una unità a stato solido, affidandosi invece a una scheda SD per il boot e per la memoria non volatile. La scheda è stata progettata per ospitare sistemi operativi basati su un kernel Linux o RISC OS.

    Un altra scheda molto interessante e sempre dal prezzo contenuto.
    (1077)

Previsioni meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Orologio_Calendario

Ulti Clocks content

bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Theme, NTC hosting. Valid XHTML and CSS.